RADICCHIO DI CASTELFRANCO CON ARANCIA E NOCCIOLE

insalata di radicchio di treviso e arancia

Adoro – che dico: strastraadoro-  il radicchio di Castelfranco (a voler essere precisini, il radicchio variegato di Castelfranco). Queste foglie da insalata color crema leggermente amarognole, con striature che vanno dal rosa fucsia carico al rosso violaceo, sono  decisamente tra le mie foglie preferite. Non riesco a resistere all’impulso di portarmene a casa un bel cespo quando me lo trovo davanti.  E qui in Baviera, da dove sto scrivendo, il radicchio di Castelfranco è  una tale rarità che tale impulso all’acquisto diventa  davvero incontrollabile le rarissime volte che una bella rosa di quest’insalata mi capita a tiro.

Così è successo qualche giorno fa, quando nonostante un tempo infame ho deciso di andare a fare acquisti sui banchi del mercato che si tiene nella Altstadt (che letteralmente sta per “città vecchia”, ma che nel nostro caso corrisponde con la via più centrale, contornata da magnifici palazzi rinascimentali , non a caso da molti è considerata la più bella via della Germania).

Uno dei miei banchi preferiti è il banco delle “specialità”, che contrasta simpaticamente con la sorta di banco/outlet di frutta e verdura gestito turchi che gli sta proprio di fronte, dove, per esempio,  si possono comprare 10 kiwi ben maturi per un euro.

Sul banco delle preziosità ortofrutticole facevano bella mostra di sè tre cespi del mio adorato radicchio variegato, a un prezzo esorbitante: 6,90 euro al chilo. Eccoli qui :

Radicchio di castelfranco al mercato

 

Va da sè che non ho saputo trattenermi. Ho rinunciato a un altro acquisto e mi sono portata a casa il mio bel radicchio di Castelfranco, non senza aver dato una lezione di radicchiologia alle due proprietarie del banco che, secondo me, hanno le idee poco chiare sui prodotti italiani che vendono.

Arrivata a casa , il solito dilemma: che farne? Questa volta ho optato per un’insalata dalle spiccate note invernali che per contrasto rendesse omaggio alle foglie amarognole nate dall’incroncio tra il radicchio di Treviso e la scarola. Quindi: avanti con un’arancia succosissima, mezzo finocchio e della frutta secca!

 

Insalata invernale di radicchio di Castelfranco e arancia

Preparazione: 10 minuti

Cottura: 2 minuti (tostatura delle nocciole)

 

Ingredienti per 4 persone

1 cespo di radicchio di Castelfranco

1 grossa arancia (o 2 se sono piccole)

1/2 finocchio (piccolo)

3 ravanelli (li si trova tutto l’anno e aggiungono una magnifica nota di colore)

una manciata di nocciole pelate e tritate

olio extravergine d’oliva

2 cucchiai di succo fresco d’arancia

sale

qualche fogliolina di menta per decorare (una nota di colore che regala un freschissimo profumo!)

 

Mondate il radicchio, lavatelo, asciugatelo con cura e spezzettatene le foglie in un grande piatto di portata abbastanza fondo. Lavate e asciugate il finocchio e affettatelo molto sottile con la mandolina, poi aggiungetelo all’insalata. Fate lo stesso con i ravanelli.

Tostate per un paio di minuti (senza farle bruciare) le nocciole, poi mettetele da parte a raffreddare.

Sbucciate l’arancia, pelatela al vivo e separate gli spicchi, eliminando la pellicina che li ricopre e cercando  di recuperare il succo che ne fuoriesce. Aggiungeteli  all’insalata insieme a  metà delle nocciole.

Preparate il condimento frullando insieme 4 cucchiai di olio, il succo d’arancia, la metà rimasta delle nocciole e una presa di sale.

Irrorate l’insalata con la citronnette così ottenuta, decorate con le foglioline di menta,  e portatela subito in tavola.

 

insalata di radicchio di treviso e arancia

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*