Taccole nell’insalata, ed è già primavera

Nella foto si vedono dei bucaneve in fioreTaccole  in primo piano, oggi. Ma andiamo con ordine. Qui in giro si respira aria di primavera. Nel mio giardino bavarese, dove in questo periodo potrebbero esserci tranquillamente 30 cm di neve, fioriscono  crocus,  violette  e  bucaneve, mentre  gli uccellini fanno festa.  Mille volte meglio così, visto che personalmente detesto il freddo (eggià, anziché un marito tedesco, sarebbe stato meglio uno di Santo Domingo, ma che ci volete fare, al cuor non si comanda).  Va da sé che con questo clima cambia anche la mia attitudine verso le insalate da preparare per i pasti in casa. Ho ufficialmente dato il via, quindi, alla ricerca di  ingredienti tipicamente primaverili, che qui si trovano con facilità visto che i diligenti tedeschi importano di tutto,  tutto l’anno, altrimenti andremmo avanti a cavoli, patate, zucche e cetrioli.

Prima scelta in questo senso le taccole, quei deliziosi ortaggi detti anche  “piselli mangiatutto”, Pisum Sativum macrocarpon per i botanici, di cui si mangia anche tutto il baccello. Gusto delicato, ricche di fibre, vitamine e sali minerali, si consumano previa cottura dopo aver eliminato il picciolo e il filo  che scorre a lato del baccello. Ieri sera le ho abbinate a patate lesse e rucola, e ho  legato il tutto con un condimento dalle inconfondibili note mediterranee.

INSALATA DI PATATE, TACCOLE E RUCOLA AL PROFUMO DI BASILICO

 

Ingredienti per 2 persone

2 manciate di taccole giovani freschissime

2 manciate di rucola selvatica

4 patate di media grandezza

2 cucchiai  di semi vari  da insalata (pinoli, semi di girasole e di zucca)

1 cucchiaio abbondante di pesto alla genovese

olio extravergine d’oliva

1 cucchiaio  di succo fresco di limone

sale e pepe nero da macinare al momento

Mondate le taccole eliminando piccioli e fili laterali (facendo attenzione a non danneggiare i baccelli), lavatele e poi lessatele a vapore, ci vorranno 5-10 minuti a seconda della grandezza (più sono piccole giovani, comunque, più delicato e gradevole è il sapore). A fine cottura  tuffatele in una bacinella di acqua e ghiaccio per non far perdere loro il bel colore verde brillante. Poi scolatele, sgocciolatele per bene e stendetele ad asciugare su un canovaccio pulito.

La foto mostra delle taccole immerse in acqua e ghiaccio
Le taccole lessate vanno immerse in acqua e ghiaccio

Lavate le patate e lessatele (meglio se a vapore), tenendole al dente. A fine cottura spelatele mentre sono ancora calde  e mettetele da parte a raffreddare. Mondate la rucola eliminando i gambi, lavatela e asciugatela con cura. Tostate i semi in un padellino con fondo antiaderente e trasferiteli su un piatto a raffreddare. Preparate il condimento emulsionando 3 cucchiai di olio, il succo di limone, il pesto, una presa di sale e una spolverata di pepe. Quando sono tiepide, tagliate le patate  a spicchi e versatele in un’insalatiera insieme alla rucola e alle taccole. Irrorate l’insalata con il condimento e mescolate con cura, facendo attenzione a non rompere le patate. Cospargete i semi, mescolate con delicatezza ancora una volta e portate subito in tavola.

Foto con insalata di taccole, patate e rucola su piatto bianco

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*