TUTTO (O QUASI) SULLA RUCOLA

foglie di rughetta, rucola selvatica


La rucola è un ingrediente fondamentale per mille e mille insalate, tanto come aggiunta ad altre foglie quanto come foglie base del piatto. Ha una storia curiosa: benché, infatti, le sue foglie fossero già apprezzate dagli antichi Romani che attribuivano loro proprietà afrodisiache, il  grande  successo in tavola è arrivato solo negli anni Ottanta. Allora, in quella  che ora viene chiamata la “Milano da bere”, era veramente “rucolamania. Si trovavano foglie di rucola quasi in ogni piatto, dalla tagliata  alla pasta.  Risultato: tutto sapeva di rucola, ogni altro sapore era sovrastato dalla presenza di queste foglie.  La mania è stata esportata negli Stati Uniti, dove pure  è diventata una mania, tanto che David Kamp, giornalista di Vanity Fair e GQ, non ha esitato a intitolare The United States of Arugula: How We Became a Gourmet Nation  il suo recente libro sulla rivoluzione alimentare americana negli ultimi cinquant’anni.

Quando si parla di rucola bisogna sempre tener presente che sul mercato si trovano  due tipi di foglie che portano tale nome, ben differenti le une dalle altre,  anche se il loro sapore presenta  note comuni. La rucola comune o coltivata, Eruca sativail nome botanico, è una pianta annuale  con foglie dalla forma oblunga a lancia ma arrotondata nella parte superiore, disposte alternativamente lungo lo stelo della pianta.

Da questo ripo di pianta derivano le foglie che si trovano nelle buste di quarta gamma descritte come, appunto, “rucola”. Per preparare un’insalata  questo tipo di rucola  può essere utilizzato da solo o abbinato ad altri ingredienti, dato  che il sapore, benché particolare, non è esageratamente dominante.

 La  rucola selvatica (Diplotaxis tenuifolia  nome botanico), anche detto rughetta o ruchetta, è, invece, una pianta  perenne di dimensione contenuta rispetto a quella della rucola comune,con  foglie di più piccole e più dentellate, appuntite nella parte superiore, dal gusto assai più piccante e marcato. Le foglie di questo tipo di rucola  si prestano soprattutto  a divenire  un’aggiunta ad altre foglie o ingredienti  per  un piatto brioso dal gusto deciso.
Le deliziose foglie di rucola selvatica

 

Dal punto di vista nutrizionale è interessante sottolineare che queste foglie abitualmente considerate solo come aggiunta all’insalata, sono invece una fonte importante di calcio, ferro, potassio  e vitamina C. Solo 25 Kcal per 100 g!

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*