Consigli per non acquisti

Ogni  volta che mi viene in mente la frase “consigli per gli acquisti” mi passa davanti agli occhi Maurizio Costanzo e il suo show. Non so se l’ha coniata lui la frase che anticipa la sventagliata di spot  pubblicitari in tv, ma è a lui che la associo. Mi domando, quindi, che direbbe il furbo anchorman  ormai messo a riposo a proposito di questo mio suggerimento per NON sbagliare nell’acquisto. Andiamo con ordine, oggi mi era venuta voglia di fare un’insalata di riso, cosa abbastanza strana visto che per tutta l’estate ho girato al largo da questo tipo di insalate perchè mi sembravano un modo sorpassato di fare insalata. Meglio il couscous e la quinoa, l’ho detto e scritto più e più volte.  Comunque, com’è o come non è, in queste belle giornate che anticipano l’autunno mi è venuta voglia di preparare un’insalata di riso assolutamente estiva. carciofini grigliati sott’olio e pecorino sarebbero stati tra gli ingredienti. Sarebbero -sottolineo il condizionale – perchè tale insalata di riso non ha mai visto la luce. Il motivo? Il riso,  indiscutibilmente sbagliato. Avevo in dispensa, infatti, una scatola di riso parboiled comprata alla Conad. Ribe parboiled , Riso Ideale per Insalate di Riso e Risotti, recita la confezione. Avrei dovuto rifiutarmi di acquistarla già  per l’inflazione di maiuscole non giustificata, e non solo  per  il fatto che nell’indicazione sull’uso  si accomunano insalate di riso e risotti, che richiedono performace diametralmente opposte. Chicchi che rimangono ben separati per le prime e chicchi che permettono la mantecatura per i secondi, lo sanno tutti.  Comunque l’ho portata a casa, probabilmente in uno di quei giorni in cui si fa la spesa di corsa, inseguendo chissà quali ritardi. Oggi, nel mio raptus pro insalata di riso, l’ho aperta e utilizzata. Un disastro. Ho lessato il riso per 9 max 10 minuti dall’ebollizione. Quando l’ho scolato , si è presentato  proprio  come lo vedete in foto (un po’ bruttarella, scusate,  ma l’ho scattata di sera con l’iPad): sfaldato. Il peggio è che dentro è ancora duro.Proprio così: scotto fuori e crudo dentro. Altro che

“non scuoce”…
 Insomma, inutilizzabile per un’insalata. Gli ingredienti che sarei andata ad aggiungere si sarebbero incollati al riso, una volta condito. Impossibile pensare di farlo. Quindi il verdetto: bocciato, bocciatissimo. Peccato, perchè alla Conad hanno anche tantissimi prodotti a marchio loro  davvero eccellenti. Vabbè, sarò buona, per il riso  li rimando a settembre (del prossimo anno, quando, forse, mi tornerà la voglia di farne un’insalata).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*