Oggi il tabulè è zen!


Sì, avete letto bene il titolo: proprio zen. Insomma, da meditazione. Oggi avevo bisogno di un lavoretto manuale che mi consentisse di lasciar viaggiare il cervello mentre le mani facevano qualcosa. Niente di meglio che preparare un’insalata (altrimenti che insalatologa sarei?). E, dato che qui in Versilia è ancora estate nonostante la luce settembrina,  ho deciso di mettere insieme un tabulè,  che in questa stagione  è sempre un comodo piatto unico quando si vuole pranzare in fretta (e poi è in linea con la mia attuale  filosofia guida  di cercare di mangiare il più possibile ingredienti crudi e freschi). 
Per cui –e qui viene fuori l’idea zen- ho deciso di ridurre a dadini o pezzettini  tutti gli ingredienti, couscous escluso, si intende. E allora via di coltello su pomodori, cetriolo, olive taggiasche (non fanno parte del tabulè più ortodosso, ma a me piacciono), cipolla di Tropea ed erbe. Tagliando e tagliuzzando, il tempo è passato e ho potuto riflettere senza stress su quanto mi aspetta nel prossimo autunno. Sarà una stagione piacevolmente indaffarata, effervescente, me lo sento. 
 Intanto il lavoro di mano è giunto a conclusione, e sulla tavola in terrazza  al sole è arrivata questa saporita insalata dalle note mediorientali (riviste e corrette secondo il mio gusto).  Me la sono goduta, boccone dopo boccone, in una sinfonia di nuances sulla forchetta, quasi quanto la sua preparazione (a proposito, con Ludovico Einaudi di sottofondo. È  un po’ zen anche la sua musica, non trovate?).

Taboulè Zen
Per due persone
4 grossi bicchieri di bulgur o couscous già cotto e sgranato
1 piccolo cetriolo
2 pomodori di media grossezza (anche di più, se vi piace)
Una manciata di olive taggiasche denocciolate
1 piccola cipolla di Tropea
Olio extravergine d’oliva
Sale e pepe nero da macinare al momento  

cumino in polvere*

il succo di 1 limone
una manciata di foglioline di menta pulite
una manciata di foglie di prezzemolo pulite
Versate il bulgur (o il couscous) in un’insalatiera e conditelo con un cucchiaio d’olio.  Lavate i pomodori, asciugateli e tagliatene la polpa a dadini , eliminando i semi. Pelate il cetriolo e tagliatene la polpa  a dadini, eliminando la parte con semi, poi metteteli in uno scolapasta con un pizzico di sale per eliminare il liquido amarognolo, e renderli più digeribili. Tagliate a rondelline o pezzetti le olive. Sbucciate la cipolla e tritatela finemente. Tritate finemente le erbe, eliminando i gambi.  Dopo 15 minuti sciacquate il cetriolo e asciugatelo tamponandolo un della carta da cucina. Aggiungetelo al bulgur/couscous insieme ai pomodori, la cipolla e le erbe. Preparate il condimento emulsionando 2 ½  cucchiai di olio, il succo di limone, un cucchiaino da caffè di cumino, una presa di sale e una spolverata di pepe. Versate il condimento sul tabulè e mescolate a lungo, con cura. Mettete in frigorifero per  30 minuti almeno e poi portate in tavola.
* Se non avete a disposizione del cumino in polvere, utilizzate del sommacco siciliano. Se non avete neppure quello, fate senza (ma cambiate fornitore di spezie). 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*