Carote? Meglio cotte e in un’insalata leggera


In cottura
L’ho scoperto oggi, per caso.  Pare che con la cottura le proprietà nutritive delle carote non vengano meno, anzi. Ho trovato un articolo  che dimostra che, quando vengono consumate crude e in pezzi ,l’organismo umano riesce a far suo il 3% del betacarotene contenuto nelle carote, mentre se vengono omogeneizzate la percentuale sale al 21%. Nel caso di una breve cottura (non devono spappolarsi!) si arriva al 27%, e l’aggiunta di un grasso sano come l’olio extravergine fa salire il valore fino al 39%.   (European Journal of Clinical Nutrition (2002)56, 425–430- Estimation of carotenoid accessibility from carrots determined byan in vitro digestion method). What else? , come direbbe George.
Oggi, quindi, un’insalata che è un pieno di betacarotene, preparata combinando tre tipi di carote, le  tradizionali arancioni, quelle viole e quelle gialle, che ho comprato al mercato venerdì. Quando le carote sono cotte, si prepara in un attimo e fa la sua bella figura in tavola (ed è perfetta in caso di dieta!).
Insalata di carote e formaggio
Per due persone
4 -5 carote
formaggio fresco di capra (o feta, o quartirolo, o un altro formaggio fresco) a dadini
olio extravergine di oliva
½ cucchiaio di succo fresco di limone
senape rustica in grani
miele
1 cipollotto fresco
½ spicchio d’aglio (facoltativo)
4-5 gherigli di noce tostati
sale e pepe nero macinato al momento
Cuocete a vapore  le carote tenendole al dente, poi mettetele da parte a raffreddare. Quando sono tiepide,  tagliatele orizzontalmente, creando tanti dischi non troppo sottili. Versatele in un’insalatiera. Preparate il condimento emulsionando 3 cucchiai d’olio, l’aceto, 1 cucchiaino da tè colmo di senape,1 cucchiaino da tè di miele,  il cipollotto tritato finemente, l’aglio tritato finemente (se decidete di usarlo), una presa di sale e una spolverata di pepe. Versate il condimento sulle carote e mescolate con cura. Aggiungete  il formaggio e i gherigli di noce spezzettati e portate in tavola.
A questa insalata potete aggiungere  anche una manciata di foglie di valerianella (songino) o di lattughino, è un bel tocco di colore. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*