CAROTE VIOLA: QUELLO CHE DOVETE SAPERE

carota viola

Carote viola: una delizia per gli occhi e per il palato

 

Un’amica (mica dovrò chiamarla fan?)  della pagina  facebook InsalataMente.it  mi  ha scritto chiedendomi notizie sulle carote viola/nere che spesso posto sulla pagina.

 

carote viola

Devo ammettere che  piace questo tipo di corrispondenza, mi sembra di essere immeritatamente diventata una Donna Letizia del Paese delle insalate…Ma non divaghiamo, torniamo alle nostre carote “oscure”.

 

 

Viola sì, ma non completamente

Le carote viola (che in inglese sono chiamate purple carrots) in realtà non sono completamente viola. All’interno, infatti, sono di un colore che varia dal giallo chiaro all’arancione, spesso variegato di viola.

 

 

Carote viola: un po’ di storia

Innanzi tutto va detto che le prime carote apparse in Occidente, provenienti dalla zona d’origine  in quello che oggi è l’Afghanistan, erano proprio di colore viola. Vviola scuro tendente al nero, oppure gialle. Le carote viola di cui stiamo parlando, insomma. Siamo nell XII secolo e la prima area europea in cui fecero la loro apparizione fu la Spagna. Solo nel secolo successivo arrivarono nell’odierna Italia.

 

Intorno al XVI secolo  alcuni ibridatori olandesi riuscirono ad ottenerle nel colore  arancione che ben conosciamo,  a partire dalla carota gialla.  La leggenda vuole che ciò sia stato voluto per rendere omaggio alla dinastia reale degli Orange, ma è appunto una leggenda, in quanto  probabilmente si tratta solo di una mutazione genetica, per altro già attestata in precedenza.  Esiste, infatti,  un codice bizantino, il codice Juliana Anicia, manoscritto nel 512 per  illustrare il De materia medica di Discoride,  conservato alla Biblioteca Nazionale di Vienna, in cui  le carote sono rappresentate  nella colorazione  a noi nota.

 

 

 

Le carote viola: un toccasana!

 

Le  carote porpora  sono caratterizzate dalla presenza di  antociani (o antocianine),   pigmenti della  famiglia dei flavonoidi, presenti in molti fiori violacei e in molti frutti e ortaggi (pensate ai ribes, alle  ciliegia, al  cavolo rosso, all’uva e a tanti frutti di bosco) e   dotati di importanti proprietà antiossidanti  e utili  a contrastare la rigidità arteriosa e a  ridurre il rischio di patologie cardiovascolari.

Il consumo di carote viola particolarmente utile a  chi soffre di emorroidi in quanto, favorendo la  buona circolazione sanguigna, contribuiscono a contrastare e ad alleviare il  noioso disturbo.

 

 

 

 

Le carote viola di Polignano a Mare

In Italia, purtroppo, non è facilissimo trovare le carote di colore violaceo di cui ci stiamo occupando. Non lo è a meno che ci si trovi nella zona di Polignano a Mare, in provincia di Bari, dove le carote viola sono un ecotipo coltivato in un’area abbastanza ristretta.
 carota viola

 

Infine una nota: se volete sapere tutto, ma proprio tutto, sulle carote, andate a dare un’occhiata allo straordinario Museo della carota che si visita  solo virtualmente all’indirizzo www.carrotmuseum.co.uk. Imperdibile! (In inglese)

Salva

Salva

Salva

Salva

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*