LA PANZANELLA: IL CLASSICO TOSCANO PER I GIORNI DEL GRANDE CALDO

panzanella toscana

“Che estate sarebbe senza la panzanella? “

 

Panzanella toscana

 

pomodori ben maturi

basilico

pane comune raffermo (ci vuole quello toscano “sciapo”, senza sale e senza grassi)

aceto di vino bianco o rosso

cetriolo

cipolla rossa di Certaldo  (ma va benissimo anche la Tropea)

olio extravergine di oliva toscano

sale e pepe nero macinato al momento

 

Ammollate il pane  in acqua e aceto fino a che è morbido e strizzabile. Pelate i cetrioli e, aiutandovi con uno scavino, eliminatene i semi. Tagliate i pomodori, lavati e asciugati,  a pezzi, la cipolla ad anelli sottilissimi,   i cetrioli a fette o a rondelle (come vi piace di più) e spezzettate grossolanamente le foglie di basilico che avrete pulito con un panno umido. Strizzate bene il pane, mettetelo in una terrina e aggiungete la verdura.Condite con olio, aceto, sale e pepe secondo il vostro gusto.

 

 

 

 

 

Volutamente  non ho indicato le dosi degli ingredienti, perché la vera panzanella toscana (quella da puristi, per intenderci) nasce sempre così: a occhio, pressappoco. Si mettono più o meno pomodori e più o meno cetrioli a seconda del proprio gusto. Solo la quantità di  pane utilizzata  è piuttosto precisa: deve essere circa il 50% dell’intera preparazione.Se vi piace, potete aggiungere un pizzico di peperoncino (che nella ricetta “ortodossa”  non è previsto, ma -a mio parere-  conferisce al piatto  una marcia in più).

 

 

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*