La parola del giorno: Virgilio

-7
Atque  equidem, extremo ni iam sub fine laborum
vela traham et terris festinem advertere proram,
forsitan et, pingues hortos quae cura colendi
ornaret, canerem, biferique rosaria Paesti,
quoque modo potis gauderent intiba rivis
et virides apio ripae, tortusque per herbam
cresceret in ventrem cucumis; nec sera comantem
narcissum aut flexi tacuissem vimen acanthi
pallentesque hederas et amantes litora myrtos. 
Virgilio, Georgiche, IV.116-124
E davvero se già sul finire della mia fatica non dovessi raccogliere
le vele e affrettarmi a dirigere la prua a terra,
forse canterei anche la cura del coltivare i floridi orti,
i rosai di Pesto che fioriscono due volte all’anno,
come lindiviasi compiaccia  di abbeverarsi ai ruscelli,
e le verdi rive godano del sedano, e attorto tra l’erba
cresca sul ventre il cocomero; né avrei trascurato
il narciso che tardi frondeggia, o il flessibile stelo dell’acanto,
le pallide edere e i mirti che amano i lidi.Dopo questa visione bucolica (bè, il poeta è lo stesso) possiamo andare ad assaggiare la mia insalata di oggi.

Insalata di patate alla libanese
Per due persone
2 grosse patate
1 ½  cucchiai  di succo fresco di limone
2 rametti di foglie di menta fresca
½ scalogno
olio extravergine di oliva
½ scalogno fresco tritato o affettato finemente
sale e pepe
Lessate le patate in acqua bollente salata, poi scolatele, pelatele mentre sono ancora calde, tagliatele a pezzetti e versatele in un’insalatiera, condendo con un filo d’olio. Preparate il condimento emulsionando 2 cucchiai di olio di oliva, il succo di limone, una  presa di sale e pepe macinato al momento.  Pulite con un panno umido le foglioline di menta e tritatele grossolanamente, poi aggiungetele alle patate diventate tiepide, insieme allo scalogno. Versate sull’insalata di patate il condimento preparato e mescolate con delicatezza. Mettete in frigorifero per un’ora prima di servire.
Insalata di patate alla libanese

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*