La parola del giorno: Venere

-24

Venere. …La lattuga è stata sempre tra le piante più reputate tra quelle che dicansi ortensi: essa formava una dello vivande favorite de’ Romani. I discepoli di Pitagora attribuivano a quella pianta la proprietà di estinguere i fuochi dell’ amore; per questo Callimaco lasciò scritto che Venere dopo la morte di Adone coricossi  in un letto di lattughe, affine di moderare la violenza della sua passione….
(Dal  Dizionario delle origini, invenzioni e scoperte nelle arti, nelle scienze, nella geografia, nel commercio, nell’agricoltura, Bonfanti, Milano, 1830)         
Nell’insalata di oggi trovate dell’ottima lattuga romana, che io amo molto per la croccantezza delle foglie.
Insalata di lattuga romana e finocchio, al parmigiano
Per due persone
1 cuore di lattuga romana
1 finocchio (non troppo grosso)
un pezzetto di parmigiano reggiano (70 g circa)
1 ½  cucchiai  di prezzemolo fresco tritato
1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato
olio extravergine di oliva
aceto balsamico
sale e pepe nero
Mondate la lattuga, lavatela e tagliatela  a striscioline che metterete in un’insalatiera. Mondate il finocchio eliminando le foglie esterne più dure e rovinate  e affettatelo finemente utilizzando la mandolina, poi aggiungetelo alla lattuga. Utilizzando il pelapatate ricavate tante lamelle dal pezzo di parmigiano, unitele agli ingredienti nell’insalatiera. Preparate la vinaigrette con 3 cucchiai di olio, 1 scarso d’aceto,il cucchiaio di parmigiano grattugiato,  una presa di sale, una spolverata di pepe macinato al momento. Cospargete l’insalata con il prezzemolo, conditela con la vinaigrette preparata e mescolate con cura. Servite subito.

Insalata di lattuga romana e finocchio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*