La parola del giorno: progetto

-60

 

Progetto (s.m.).  Che bello…Oggi durante la luuuuunga chiacchierata con Claudio ha preso corpo un nuovo progetto. Adoro la fase in cui si è elettrizzati all’idea di fare qualcosa di nuovo. Ancor di più quando si condivide questo qualcosa con altri. Il mio , nostro, progetto ha la forma di un libro ma…

Per ora non posso dirvi di più. Intanto vi racconto l’insalata con castagne che vi ho promesso ieri (a proposito, nei prossimi giorni ci sarà un’altra ricetta con questo frutto, l’abbinamento castagne & insalata è TROPPO buono!)

 

Insalata di  valerianella, mela, finocchio e cipolla rossa con castagne

 

Per due persone

valerianella (o altre foglie verdi)  80 g

1 piccolo finocchio

1 mela rossa (tipo Stark delicious)

½ cipolla rossa (piccola)

10 castagne arrostite 

olio extravergine di oliva

aceto di mele (o di vino bianco)

1 cucchiaino da tè di senape rustica

burro (meglio se salato) 10 g

sale e pepe nero

Mondate le foglie di valerianella, lavatele , asciugatele e versatele in una terrina.  Mondate il finocchio, lavatelo e asciugatelo.  Sbucciate la cipolla e lavate e asciugate  la mela. Intanto fate sciogliere in burro in una padella con fondo antiaderente e ripassatevi le castagne per qualche minuto (salatele se non avete utilizzato del burro salato). Affettate il finocchio e la cipolla utilizzando la mandolina e tagliate la mela a fette sottili senza sbucciarla. Preparate il condimento emulsionando 3 cucchiai di olio, 1 d’aceto, la senape , una presa di sale e un’abbondante spolverata di  pepe macinato al momento. Utilizzate 1 e 1/2 cucchiaio del condimento per la valerianella, mescolate bene e poi   adagiatela su un piatto di portata  (o su due piatti individuali) come letto dell’insalata .Aggiungete la fette di mela , di cipolla e di finocchio e irroratele con il resto del condimento. Cospargete con le castagne , divise a metà se vi paiono troppo grosse e portate in tavola.

 

Insalata di  valerianella, mela, finocchio e cipolla rossa con castagne

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*