La parola del giorno: melemania

-72

Mele Cox Orange

Melemania. Niente a che fare col bel canto, sono molto più prosaica .  Da qualche settimana sono stata colpita da melemania, mania delle mele, cosa neanche tanto strana se consideriamo la stagione in cui ci troviamo. Tra i fattori scatenanti di tale sana passione, va iscritto anche il fatto che sono in Germania, dove le mele sono prese MOLTO sul serio. Oggi avrei voluto fotografare l’area mele del supermercato Kaufland per poi postarla qui, ma con la luce artificiale e senza un flash decente sarebbe venuto uno schifo, per cui dovete accontentarvi delle mie parole: uno spettacolo per gli occhi e per il palato. Ho portato a  casa ancora qualche chilo di Cox Orange (in cima alla mia personale  top ten  melicola  in questo periodo) e altre 5 mele oblunghe di cui non sono riuscita a rintracciare la varietà perché mancava il cartellino.  Le vedete nelle foto in questa pagina, accanto ad altre mele “normali”: sono frutti magri e slanciati,  almeno due dita più altri degli altri. Uno di questi pomi è finito nell’insalata di oggi, una ricetta molto amata negli Stati Uniti, anche se ha origini (pare) ceche o slovacche:  in un vecchio ricettario di quelle regioni  l’ho trovata come “coriandoli di mele e carote”.

Insalata di carote e mela
Per due persone
carote a julienne 150 g
una grossa mela
uvetta sultanina 80 g
2 cucchiai di maionese
la punta di un cucchiaino di zucchero di canna
½  limone
sale e pepe nero
Mettete a mollo le uvette in acqua tiepida per un quarto d’ora. Intanto sbucciate la mela e tagliatela a pezzettini molto piccoli. Versate la mela e le carote in una piccola insalatiera , aggiungete l’uva sultanina ben strizzata e condite con la maionese amalgamata con un cucchiaio  scarso di succo di limone, lo zucchero, sale e pepe. Mescolate con cura e servite.
Consiglio: provate questa ricetta anche con l’aggiunta di qualche gheriglio di noce spezzettato o sostituendo un cucchiaio di maionese con uno di panna acida.
Insalata di carote e mela

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*