La parola del giorno: umore

 

-87

Umore (s.m.). Bella giornata quella di oggi. La ricorderò con piacere. Gran temporale nelle prime ore del mattino poi un bel sole caldo all’ora di pranzo quando , con Gianni, ho mangiato un panino seduta a un chiosco davanti al mare a Livorno.

È stata una calda e saporita parentesi di serenità, arrivata dopo la bella chiacchierata con Elisabetta e Teresa in redazione.  Se il buon umore si potesse misurare in una scala da 1 a 10, oggi classificherei il mio con almeno un 8. Merito anche –forse- sulle belle notizie relative alla possibile evoluzione di questo blog.

L’insalata che vi propongo oggi sarebbe piaciuta a un grande personaggio. Stando a quanto raccontano a Villa d’Este , infatti, l’abbinamento “fagioli + pomodori” era la combinazione preferita di Gianni Agnelli in materia d’ insalate.

Insalata di fagioli e pomodori

 

Per due persone

una scatola di fagioli bianchi di spagna lessati

2 pomodori canestrini non troppo grossi

1 rametto di origano fresco

olio extravergine di oliva toscano di ottima qualità

un pezzetto di cipolla rossa o di Tropea (facoltativo)

sale e pepe nero

Scolate i fagioli dal liquido di conservazione e metteteli in un’insalatiera. Lavate i pomodori, asciugateli e tagliateli a pezzi eliminando eventuali semi. Tagliate la cipolla ad anelli sottilissimi. Aggiungete i pomodori e la cipolla  (se la usate) ai fagioli e condite con un filo d’olio, una presa di sale e un’abbondante spolverata di pepe macinato al momento. Spezzettate le foglioline di origano (pulite con un panno umido) sull’insalata e mescolate bene. Lasciate riposare per un quarto d’ora prima di servire.

 

 

Insalata di fagioli e pomodori

 

3 Commenti

  1. Ottimo utilizzo per un frutto gustoso e della piccantezza “giusta” per un’insalata!

    Nell’eliminare i semi è possibile regolare la piccantezza togliendo o lasciando la placenta, la costola bianca a cui sono attaccati.
    Nel tessuto placentale è concentrata gran parte della capsaicina, il principio attivo responsabile della piccantezza.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*