La parola del giorno: sociologia

-99

Sociologia (s.f.) .Grande insalata!  Questo piatto  non funziona solo a tavola, ma anche in sociologia. A partire dagli anni Sessanta negli USA,  infatti, è stato abbandonato il termine melting pot  quale riferimento alla politica d’integrazione    per passare a salad bowl (insalatiera).   A sancire il passaggio dal calderone dal contenuto indistinguibile alla insalatiera piena di personalità  è stato  lo storico Carl N. Degler, professore emerito a Stanford e premio Pulitzer:

  “la metafora del melting pot è sfortunata e ingannevole. Un’analogia più precisa potrebbe essere quella di una terrina da insalata,  perché sebbene l’insalata sia un’entità,  la lattuga può essere sempre distinta dalla cicoria e i pomodori dal cavolo” . (The metaphor of the melting pot is unfortunate and misleading. A more accurate analogy would be a salad bowl, for, though the salad is an entity, the lettuce can still be distinguished from the chicory, the tomatoes from the cabbage).

Dopo questa curiosità insalatosa, veniamo alla ricetta di oggi, un’insalata di frutta . Per prepararla ho usato   anche il mio frutto preferito:  la pesca  noce. Per fortuna se ne trovano  ancora in giro di decenti, ma la loro stagione, purtroppo, sta proprio volgendo al termine.

 

Insalata di  pesche noci e prugne ai pistacchi

 

Per due persone

2 grosse pesche noci

2 prugne rosate

succo di limone 1 cucchiaio

miele  d’acacia 1 cucchiaio

½ bicchierino di rum

un cucchiaino di zenzero

2 cucchiai di pistacchi tritati

 

Lavate e asciugate la frutta e tagliatela a fette sottili che disporrete su un piatto di portata alternandole. In un bicchiere emulsionate il rum con il miele, lo zenzero e il succo di limone, poi condite l’insalata di frutta con il composto ottenuto. Lasciate marinare per un quarto d’ora a temperatura ambiente, cospargete con i pistacchi e portate in tavola.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*