La parola del giorno: ritardo

 

-115
Ritardo (s.m.). Sì, viaggiare, cantava l’Indimenticabile … Viaggiare solitamente è  un  piacere, un arricchimento, un momento per conoscere e riflettere. Solitamente, tranne quando non ti capitano giornate come la mia  di oggi. Oltre 7 ore per fare 300 km in treno. Partenza da Como alle 10.17, arrivo previsto  a Viareggio alle 14.39, arrivo effettivo alle 17. Tutto bene fino  a Milano su un lussuoso treno svizzero, partenza puntuale da Milano alla volta di Genova su una carcassa fatiscente pomposamente etichettata Intercity. Tutto bene la prima mezz’ora, poi il treno comincia a rallentare, rallentare, rallentare…A passo d’uomo saremmo arrivati prima a destinazione, nonostante la scricchiolante volata sugli ultimi chilometri. Ovviamente ho perso la coincidenza. E anche fosse stato solo questione di minuti non l’avrei mai presa perché i tabelloni  informativi del sottopassaggio a Genova Principe sono in fase di rimodernamento, per cui non si sa che treni partano dai vari binari. Comunque sia, due ore di attesa per il successivo treno che mi avrebbe potuto portare a Viareggio. Le due ore sono diventate due e mezza, perché anche questo Eurostar era in ritardo…Ritardo su ritardo.

Nota piacevole di quest’infelice viaggio, la possibilità di leggermi il  libretto di Paola Mastrocola allegato all’Espresso di questa settimana: Facebook in the rain: gradevolissimo.

 

 

Oggi per noi un’insalata di riso con i colori dell’autunno con profumi e sapori che vengono da lontano (non in treno, mi auguro…).

Insalata di riso mediorientale

Per due persone

riso parboiled per insalate  200 g.

pistacchi tritati  80 g

uvetta 100 g

1 cipollotto

1 limone

olio extra vergine di oliva

1 cucchiaio di coriandolo fresco tritato

1 cucchiaino di curcuma in polvere

una presa di cannella

sale e pepe nero

 

Lessate il riso in abbondante acqua salata , scolatelo, passatelo sotto il  getto d’acqua corrente per fermare la cottura e lasciatelo raffreddare steso su un canovaccio pulito. Poi trasferitelo in un’insalatiera . Aggiungete i pistacchi e l’uvetta precedentemente ammollata in acqua tiepida, ben strizzata. Preparate un’emulsione sbattendo assieme tre cucchiai di olio, il succo del lime, il coriandolo, la curcuma, una presa di cannella, sale e pepe.  Condite l’insalata di riso con la salsina ottenuta e mescolate bene. Aggiustate se fosse necessario di sale e pepe. Mettete in frigo per un’oretta e lasciate riposare a temperatura ambiente per un quarto d’ora prima di servire.

 

Consiglio: potete aggiungere a questa insalata delle mandorle a lamelle tostate senza aggiunta di grassi in un padellino.

 

Insalata di riso mediorientale

 

 

Per chi vuole scrivermi: insalataMente@gmail.com

2 Commenti

  1. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l’iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su “Inserisci il tuo blog – sito”
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*