La parola del giorno: vasi

-120

 

Vasi (s.m.). Oggi puntata a Lucca  con i canadesi. Giro come da copione: San Martino, Piazza Napoleone, San Michele, Via Fillungo e Piazza Anfiteatro, una pausa al Caffè di Simo   e poi tutti  a casa felici e contenti. Mentre eravamo nella bella  piazza a forma ellittica e i miei ospiti  entravano e uscivano dalle sue botteghe a misura di turista, mi sono trovata a far vagare gli occhi sulle centinaia di vasi che la  punteggiano. Non ci avevo mai fatto caso: la concentrazione di piccoli e grandi contenitori di piante accanto alle porte o alle finestre  è spettacolare. A farla da padrone  tra queste coltivazioni disordinate, tipiche di  tanti piccoli borghi ma un po’ stonate nella piazza gioiello di Lucca, sono soprattutto le succulente , piante che richiedono poche cure e ben si adattano a una situazione di gran calore estivo e pochissima ombra. In questa pagina potete vedere alcuni  dettagli verdi che ho catturato con la macchina fotografica mentre Candace e Val passavano in rassegna tovaglie, ceramiche e bottiglie di vino del genere spennaturisti.

 

 

 

 

Anche oggi c’è stato un gran bel sole, così ho chiuso il pranzo in giardino con un’altra insalata di frutta di fine estate.Ecco la ricetta:

 

Insalata di  pesche nettarine  e fichi

 

Per due persone

 

6 fichi neri

2  pesche  nettarine (pesche noci) non troppo morbide

il succo di ½ limone

miele

la punta di  un cucchiaino di zenzero

la  punta di un cucchiaino di cardamomo

un pizzico di cannella

½ bicchierino di rum

un cucchiaio di pistacchi tritati (facoltativo)

 

Lavate le pesche, asciugatele e tagliatele a spicchi privandole del nocciolo. Lavate, asciugate e spellate i fichi, poi divideteli in due parti. Disponete  pesche e fichi su un piatto di portata, alternando i frutti.In un bicchiere emulsionate il succo di limone, il rum, lo zenzero e il cardamomo, poi condite l’insalata di frutta  con il composto ottenuto. Spolverizzate con la cannella e i pistacchi (se li gradite), servite subito.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*