La parola del giorno: ratatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatata

 

-142

 

Ratatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatata. Altro che cicale. Questa è stata la colonna sonora del giorno, a partir dalle prime ore del mattino. Le pale degli elicotteri antincendio impegnati a spegnere il  grosso incendio in corso dal tardo pomeriggio di ieri sulle colline di Camaiore non hanno mai cessato di girare. A far loro da contrappunto,  il wroooooom di un Canadair che dà spettacolo ogni volta che sgancia il bottino d’acqua  che conserva in pancia. Ratatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatata, wroooooom Su e giù dal mare, senza un attimo di sosta. Anche nel momento in cui sto scrivendo , l’ora in cui a Londra si onora la tazza di tè, il concerto per pale e  motori turboelica continua sopra la mia testa. Ratatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatatata, wroooooom! Inevitabile andare col pensiero ai luoghi in cui questo andirivieni di aerei ed elicotteri è foriero di altri tragici destini.

Bene, ora che vi ho raccontato  la mia giornata dal punto di vista acustico,  passiamo alla NOSTRA insalata.  Per via del caldo (e del lavoro che sto facendo che non mi dà tregua) ho optato per una ricetta veloce e  semplicissima, che in famiglia  è stata, comunque, divorata.

Insalata di pomodori e pecorino romano

Per due persone

2 pomodori cuore di bue o canestrini
pecorino romano 80 g
origano secco
olio extravergine di oliva
sale e pepe nero

Lavate i pomodori, asciugateli e tagliateli a fette eliminando eventuali semi, poi versateli in una piccola insalatiera. Con la mandolina o con un pelapatate  affettate sottilmente il pecorino e aggiungetelo ai pomodori. Cospargete con una buona presa di origano secco, poi condite con olio, sale e pepe macinato al momento. Niente aceto! Mescolate bene e aspettate 5 minuti prima di servire. Accompagnate con strisce di focaccia fresca.
Nota: potete aggiungere dei capperi sottosale ben sciacquati e strizzati.

Insalata di pomodori e pecorino romano

1 Commento

  1. Beata te che riesci a sentirti sollevata almeno quando consegni. Io di solito passo da uno stato ansiogeno all’altro, perché quando consegno un lavoro sono sempre già in ritardo per quello successivo >___< La tua insalata mi attira, la proverò al più presto :-)
    Isabella

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*