La parola del giorno: Chiodo

Il forno del Chiodo:  da qui escono le pizze ma anche  la carne alla brace

 

-156

Chiodo (s.m.). Nell’accezione comune il chiodo è la barretta metallica che si conficca nel muro per appendere un quadro o un altro oggetto. Nell’accezione comune, ma non in Toscana, dove gli eccentrici abitanti definiscono “chiodo” anche un debito non pagato. Il Chiodo di Andrea Rossi deve proprio a questo il nome: quando suo padre aprì il locale, tanti anni fa, disse alla famiglia «speriamo in bene,  e che non si pianti un chiodo». Sicchè, in un curioso gioco scaramantico, il ristorante fu chiamato proprio così, Il Chiodo. Questo locale un po’ angusto con un minimo dehor per l’estate è il mio – anzi nostro perché riguarda tutta la famiglia –punto di riferimento gastronomico quando  non ho voglia di mettermi ai fornelli. Una discreta dose di tornanti tra gli olivi , e in 10 minuti da casa siamo lì. Tanto siamo abitudinari nella scelta del locale, tanto nella scelta di cosa mangiamo: pizza quattro stagioni per Mike, “ricca” allo speck e mascarpone per Leo e l’intrigante Sciacca con crema di formaggi e zucchine, per me. Stasera, però, ho fatto un’eccezione (sono in fase di autococcolamenti) e mi sono concessa degli spaghetti allo scoglio: deliziosi, perfettamente al dente, con una montagna di conchiglie. Saranno stati quelli, o il bicchierino di limoncello che Andrea ci ha offerto, fatto sta che sono tornata  a casa molto su di giri. E dire che non mi sono concessa neppure un bicchiere di uno degli straordinari vini che il Chiodo propone ai propri clienti. Una collezione con la C maiuscola, da scoprire con gli occhi prima ancora che con il bicchiere in mano ( a cominciare dalla misteriosa bottiglia di Dom Perignon del ’74 piena solo  a tre quarti…).

L’angolo della Chianina

 

Negli spaghetti allo scoglio che ho gustato stasera c’erano anche delle freschissime zucchine saltate in padella  con i gusci. Un bel tocco, mi è piaciuto.  Proprio questi ortaggi sono protagonisti dell’insalata di oggi.

 

Zucchine alle mandorle

Per due persone

4 zucchine freschissime

2 cucchiai di mandorle a lamelle

olio extravergine di oliva

un rametto di menta fresca

sale e pepe

 

Lavate le zucchine, asciugatele, spuntatele e tagliatele a fette sottili per il lungo. Grigliatele fino a che sono morbide. Nel frattempo tostate in un padellino senza grassi le mandorle. Mettete le zucchine grigliate in un piatto e conditele con 2 cucchiai e mezzo d’olio, sale, pepe  macinato al momento e le foglioline di menta pulite e tritate grossolanamente. Lasciate raffreddare e, al momento di servire, cospargete con le mandorle.

 

Zucchine alle mandorle

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*