La parola del giorno: anno

-164
Anno (s.m.)

Complici altre otto ore di treno (caldo, sporco e lento) , oggi mi sono dedicata a qualche riflessione sull’anno in corso. Che anno strano. Un anno mai  esistito. Un non anno. Lo ricorderò  proprio così: come l’anno che non c’è stato. Un’isola  che non c’è cronologica. Un grande buco nero nella mia vita: cose fatte, parole scritte, frasi dette, sempre con altro per la testa che ha impedito alla mia vita di concretizzarsi. Niente ha avuto sapore, profumo o sostanza. Un anno senza tracce, giorni tutti uguali, persi in stagioni perse. Un anno finito chissadove e non c’è neppure un  backup. Come vorrei potermi risvegliare ritrovandomi davanti  quest’anno orfano di se stesso, e poter recuperare  dettagli ed esperienze.

 

Anche oggi  vi propongo  un’insalata di riso. Semplicissima , da preparare in pochi minuti (il che, spesso, non guasta, soprattutto in giorni come quelli che sto vivendo io).

 

 

Insalata di riso al pesto

 

Per due persone

riso parboiled  200 g

pesto fresco

parmigiano reggiano in scaglie 50 g

un pugno di pinoli

olio extravergine di oliva

sale e pepe nero

qualche foglia di basilico fresco per guarnire

 

Lessate il riso in abbondante acqua salata, tenendolo al dente. Poi scolatelo e passatelo sotto un  getto d’acqua fredda.  Sgocciolatelo  e versatelo in un’insalatiera. Conditelo con un cucchiaio abbondante di pesto e uno e mezzo di olio, amalgamando con cura. Fate tostare i pinoli in un padellino bollente, senza grassi, poi ,quando sono coloriti , aggiungeteli al riso insieme alle scaglie di parmigiano. Aggiustate di sale, spolverate con pepe macinato al momento. Mescolate bene e servite subito guarnendo con qualche foglia di basilico.

 

Insalata di riso al pesto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*