La parola del giorno: balzelli

Milano, ore 10.

-175

Balzelli (s.m.). L’ho scritto tante volte: detesto  i furbetti. Potete, quindi, immaginare quanto mi ha dato fastidio stamattina a Milano, in Via Teodosio, far colazione in una buona ma caotica pasticceria siciliana (inesistente divisione dei compiti banco/cassa/ caffetteria)  , scoprendo che per sedermi a un tavolino sul marciapiede  -senza servizio al tavolo -bisognava pagare 1 euro a persona. Oltrettutto essendo costretti a consumare tra  le tazzine sporche dei precedenti avventori ancora sul tavolo… Odio questo genere di balzelli  borbonici dei giorni nostri.
Bye bye, pasticceria di via Teodosio, non mi vedrai mai più.

Cetrioli e uova alla senape

 

Per due persone

2 cetrioli piccoli (o uno grande)
2 uova sode
una fetta di pane casareccio
mezzo limone
un cucchiaio di prezzemolo fresco tritato
senape piccante
olio extravergine di oliva
sale e pepe

Lavate i cetrioli, spuntateli e tagliateli a dadini, poi metteteli per 5 minuti  in un colapasta con un pizzico di sale  per fargli perdere un po’ del liquido amaro. Spremete e filtrare il succo di limone e mescolatelo con un cucchiaino di senape e una presa di sale. Sciacquate i cetrioli e metteteli a marinare per una decina di minuti con l’emulsione di limone e senape. Poi sgocciolateli bene e metteteli in un’insalatiera. Aggiungete le uova sgusciate e tritate grossolanamente, il pane tagliato a dadini  passati in padella per un minuto con un filo d’olio e il prezzemolo. Condite con un cucchiaio e mezzo di olio evo e mescolate delicatamente. Servite subito.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*