La parola del giorno: consolazioni

-192
Consolazioni (s.f.). Giornata  caldissima (mi piace), situazione apocalittica per via dei lavori nella strada davanti a casa (non mi piace), di corsa  (non mi piace) a Lucca per visitare il cantiere di restauro  nella casa natale di Puccini per fare il pezzo per un giornale (mi piace) , lavoro sulla guida della Norvegia per il Touring (mi piacerebbe di più se potessi farlo con calma).
In  questa giornata vorticosa e bollente, senza pranzo e senza una vera cena,  due consolazioni:  una coppetta di ottimo  gelato a Lucca alla gelateria Gelati…amo   in corso  Garibaldi  davanti a cui avevo parcheggiato la macchina, e un aperitivo guardando il  tramonto sul mare a casa. Cioccolata fondente all’arancio  pepato e mandarino nel primo caso (avrei voluto assaggiare anche il gusto  Buccellato ma mi sono trattenuta ) e Chardonnay francese comprato in Germania e portato in Toscana con olive, pane  sciocco e salame  nel secondo.

Per cena, solo un’insalata, ma sostanziosa e buonissima. E’ già la seconda volta che la preparo, in casa è diventata un classico:

Insalata  tiepida di patate con crema di pomodori secchi

 

Per due persone

3 patate  a pasta farinosa

pomodori secchi sott’olio 150 g
uno spicchio d’aglio

5  olive nere denocciolate

olio extravergine di oliva

brodo vegetale

sale e pepe

 

Frullate i pomodori secchi sgocciolati dall’olio di conservazione , l’aglio e le olive  con  tre cucchiai di olio,sale, pepe e un po’ di brodo (circa mezzo bicchiere) fino ad ottenere una salsina omogenea.

Nel frattempo lessate le patate in abbondante acqua salata. Sbucciatele e fatele a pezzi mentre sono ancora calde, mettetele in un’insalatiera  e conditele  con  la salsina  di pomodori secchi (aggiungendo altro olio evo se è necessario). Mescolate  bene, in modo che le patate assorbano bene il condimento. Servite subito aggiungendo, se vi piace, un  cucchiaio di prezzemolo fresco tritato.

Insalata tiepida di patate con crema di pomodori secchi

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*