La parola del giorno: quarantacinque (45)

L’interno del  45 giri a Cantù

-272
Quarantacinque (num. card.).  Anni meravigliosi quelli dei quaranticinque e dei trentatrè. Giri, si intende. Anni in cui noi, adolescenti, palpitavamo per  l’uscita del nuovo disco di Battisti o di De Andrè come  i bambini per  l’arrivo di Babbo Natale. E quegli scrigni di emozioni in materiale plastico passavano di casa in casa , dove giravano e giravano sul giradischi , offrendoci infiniti spunti per discutere  su testi  suggestivi con una foga degna di quelli che, oggi, si azzannano da Vespa o da Santoro. Era tutto uno scambio, di dischi e di idee.  Formidabili gli anni del vinile…

Oggi ,  ascoltando la  radio ,  ho scoperto che  ieri in tutto il mondo è stata celebrata la giornata dell’orgoglio dei negozi di  dischi in  vinile,  il Record Store Day,  volto ad attirare l’attenzione su  una categoria commerciale in via d’estinzione. Pare che andando nei negozi aderenti all’iniziativa si potessero  trovare edizioni limitate di singoli o ellepì inediti  di artisti come Jimi Hendrix, i Rolling Stones o Bruce Springsteen.  Ovviamente su supporto in vinile.
Peccato  che mi sia persa questa cosa che è arrivata in una settimana in cui mi è capitata un’altra occasione per ripensare ai nostri cari, vecchi dischi.  Qualche giorno fa, infatti, a Cantù, mentre cercavo un negozio di accessori per il pc , sono finita in un locale diverso dagli altri. Dagli altri della zona, intendo. Il  discobar  45 giri (via Grandi 28), dedicato alla musica rock: grandi foto di cantanti come Elvis Presley, gigantografie di copertine di dischi, musica dj degli anni Settanta/Ottanta ogni fine settimana. Dato l’orario (erano le 12) , ho preso solo un caffè, ma ci tornerò una sera per ascoltare un po’ di musica e per ridare un’occhiata alla piacevole ambientazione funky multicolor.

In questa giornata di sole vi propongo la prima insalata di pasta dell’avventura del blog che state leggendo. In generale,  non sono una fanatica delle insalate a base di penne, farfalle o maccheroni, ma qualche ricetta ci sta. Ad esempio questa:

Insalata di pasta con salmone e pomdorini

Per due persone  

penne rigate 180 g
filetto di salmone  150 g
pomodorini ciliegia 200 g
10 olive nere  denocciolate
un cucchiaio   di prezzemolo fresco tritato
olio extravergine di oliva
mezzo limone
sale e pepe nero

Grigliate il salmone con un filo d’olio, lasciatelo raffreddare e spezzettatelo. Nel frattempo lessate la pasta in acqua bollente salata. Quando sarà cotta scolatela e passatela sotto l’acqua corrente per raffreddarla, poi  sgocciolatela bene e versatela in una terrina. Lavate i pomodorini, divideteli  in dueeliminando i semi, poi aggiungeteli alla pasta insieme al salmone e alle olive tagliate a rondelle. Condite con un’emulsione preparata con 3 cucchiai di olio evo, uno di succo di limone, il prezzemolo, sale e pepe (abbondante). Mescolate e lasciate riposare  per un  quarto d’ora prima di servire.

Insalata di pasta con salmone e pomodorini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*