La parola del giorno: programmazione

– 288

 

Programmazione (s.f.):

 

1Organizzazione di un’attività secondo un programma: p. economica; p. dei tempi di lavorazione

2 Organizzazione e presentazione di spettacoli, manifestazioni ecc. secondo un programma(…)

3 inform. Insieme delle attività che portano un computer a svolgere un determinato compito; in partic., compilazione di un programma (ancora grazie al dizionario Sabatini Coletti messo online dal Corsera).

Niente spettacoli né pc per me, la mia programmazione è quella che NON riesco più  a fare nella mia vita. Non riesco a programmare nulla perché ogni giorno, dico ogni giorno, vien fuori  qualcosa che mi costringe a ricominciare tutto daccapo. Un giorno è una conferenza stampa che sbuca all’improvviso, un’altra è un dentista che ti fissa gli appuntamenti quando tu avresti voluto essere altrove, un’altra ancora è l’avvocato che può riceverti solo tra due settimane, l’elettricista che doveva venire oggi e invece verrà tra due giorni,  o un articolo da scrivere richiesto all’ultimo minuto…Non ne posso più. Se sono là, capita qualcosa che mi costringe a ritornare qua di corsa, se sono qua , capita l’inverso.  Ormai navigo solo a vista,  non sono più padrona delle mie settimane, e se va avanti così non lo sarò più neppure  delle mie giornate. Fermate il mondo, voglio scendere per un attimo e risalire poi dalla parte giusta.

 

L’unica cosa che  oggi sono riuscita a realizzare secondo un programma è l’insalata mimosa, un classico primaverile. A proposito, ho cercato un po’ la sua storia, tra i vari   documenti  resi disponibili in  internet, e ho trovato notizie discordanti. Per alcuni è un piatto della tradizione gastronomica siciliana, per altri ha origini russe. Se chi mi legge ne sa qualcosa di più, per cortesia me lo faccia sapere: insalataMente@gmail.com

 

Buon fine settimana.

 

 

Insalata mimosa 

 

Per due persone

 

un  piccolo cavolfiore

1 cucchiaio di prezzemolo tritato

1 uovo sodo

mezzo cucchiaio di capperi sottaceto tritati

olio extravergine di oliva

aceto bianco o di sherry

sale e pepe nero

 

Mondate il cavolfiore, eliminate la parte più dura, tagliatelo a cimette e fatelo cuocere al vapore tenendolo al dente. Lasciatelo  intiepidire e poi affettate le cimette e mettetele su un piatto di portata. Emulsionate  in una ciotolina tre cucchiai d’olio evo, uno d’aceto, il prezzemolo, i capperi , una presa di sale e una macinata abbondante di pepe. Versate la salsina sul cavolfiore, poi cospargete con l’uovo sbriciolato.

 

 

Insalata mimosa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*