La parola del giorno: novantotto

-302
Novantotto (agg.num.card.invar.). Novantotto (98) è quasi cento, ma non è cento.
Finiti i festeggiamenti per la  vittoria della sua quadra  contro il Bayern Monaco,  il giovane interista che ho generato quasi 20 anni fa ha lasciato  la nostra casa bavarese per raggiungerci in Toscana, facendo tappa a Milano in casa di uno degli amici  malati di Inter che hanno condiviso con lui  le ultime giornate. Come avrebbe fatto qualsiasi altra madre normale, e quindi per questo classificabile dai figli nella categoria rompiballe , sentendolo al telefono gli ho domandato: “in che condizioni hai lasciato la casa?”. Risposta secca : “ è in ordine al 98%“. Mi sto scervellando per tentare di capire cosa ci  può  stare in  quel 2 (due)%?

Per noi, ancora una variante sul tema insalata di riso:

Insalata  di riso aromatica  con tonno, pomodori e capperi  

Per due persone

riso parboiled 180 g

8 pomodori datterini

tonno sott’olio  100 g

1 cucchiaio di prezzemolo fresco tritato

un mazzetto di rucola

un cucchiaio di  basilico tritato

un cucchiaio di capperi sottaceto

origano

olio extravergine di oliva

aceto bianco

sale e pepe

 

Lessate il riso in acqua bollente salata per il tempo indicato sulla confezione,  mettetelo sotto il getto d’ acqua fredda per fermare la cottura  e poi lasciatelo scolare bene. Quando è freddo, mettetelo in un’insalatiera e conditelo con un cucchiaio d’olio evo, mescolando bene.Lavate i pomodori, tagliateli a pezzi eliminando i semi. Uniteli al riso, insieme al tonno, ai capperi ben strizzati, alle foglie di rucola lavate, asciugate e spezzettate. Versate in una ciotolina  due cucchiai d’olio evo, un cucchiaio d’aceto bianco, il prezzemolo,il basilico  una presa di origano, sale e pepe , e mescolate bene con una forchetta fino a ottenere un’emulsione omogenea. Versate il condimento sull’insalata di riso e  mescolate bene.  Servite dopo aver tenuto l’insalata in frigorifero per 10 minuti.

Insalata  di riso aromatica  con tonno, pomodori e capperi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*