A sorpresa, a casa del Granduca

Ho visto due  magnolie in fiore, ma forse era un miraggio

-319
Oggi  aria  fredda e cielo grigiastro, con  un po’ di pioggia . Insomma: uno schifo di tempo. Per fortuna ho colto un  presagio di primavera nella spettacolare visione della fioritura di due esemplari di Magnolia japonica.  Ma forse erano un miraggio…

Nonostante il tempo inclemente  è stata una giornata piacevole, con una deliziosa sorpresa.

Bagni di Pisa

Visto che Leo doveva andare a San Giuliano Terme per il suo lavoro di statistiche per il torneo di Viareggio, mi sono offerta di accompagnarlo, avevo voglia di dare un’occhiata a un posto di cui ho sentito parlare ma che non avevo mai visto. Ho fatto bene, perchè, lasciato il calciomane al suo destino (freddissimo) allo stadio, ho preso la via che conduce al centro della località. E qui mi sono trovata , appunto,  davanti alla sorpresa: un magnifico centro termale con hotel.  Ora, nella mia vita di centri termali e benessere ne ho visti tanti, ma questo mi è parso una vera chicca. Forse è merito della situazione raccolta che lo incornicia, adagiata tra le dolci colline pisane, a un tiro di schioppo da Pisa e da Lucca. A quanto pare queste terme  furono amate  già dagli etruschi e dagli antichi romani, ma conobbero la vera gloria  a partire dal 1743, quando il Granduca di Toscana, Francesco Stefano di Lorena,  ne fece la propria residenza termale estiva che divenne  luogo d’incontro mondano  per personaggi del calibro di  Gustavo di Svezia, Giorgio IV d’Inghilterra, Vittorio Alfieri, Percy B. e Mary Shelley e Carlo Goldoni.
La recente ristrutturazione ha restituito al luogo il grande fascino di quei tempi. A gironzolare tra i corridoi e i saloni dei Bagni di Pisa  ci si sente ancora ospiti del Granduca. Anzi,  quasi quasi ti aspetti di vederlo sbucare dietro un angolo col suo codazzo di cortigiani. Ho dato un’occhiata a un paio di suoi ritratti, non si può dire che fosse bello, ma aveva l’aria di essere uno che sapeva quel che voleva. Mi sono piaciuti  i soffitti altissimi di tutti gli ambienti comuni,  i lampadari e le appliques in ferro battuto, gli  aranci, le conche di limoni e gli spettacolari vasi di orchidee Phalaenopsis. Anche la spa, benchè di dimensioni ridotte, è molto attraente. Lo ammetto, mi sarebbe piaciuto fare una nuotatina  nella piccola  ma raffinata  vasca  termale visibile dalla reception…
Comunque ci  tornerò presto,   per una tazza di tè con il VEH  che mi raggiungerà a fine settimana.

A coronamento di questa giornata particolare, vi  propongo la ricca insalata che noi abbiamo mangiato stasera, che  in qualche modo strizza l’occhio alla cucina dei grandi hotel americani. Per il suo mix di ingredienti è un perfetto piatto unico.

Insalata hollywoodiana

Per 2 persone

bacon (o pancetta affumicata) a cubetti 80 g

due cuori di lattuga  romana

1 avocado maturo

pomodorini ciliegia o datterini 250 g

1 petto di pollo doppio

2 uova sode

gorgonzola piccante 100 g

aceto balsamico

salsa Worcester

senape

olio extravergine di oliva

uno spicchio d’aglio (facoltativo)

qualche filo di erba cipollina

mezzo limone

sale e pepe

Grigliate i petti di pollo e metteteli da parte avvolti in carta d’alluminio. Grigliate il bacon ed eliminate il grasso mettendolo ad asciugare su un foglio di  carta da cucina.

Mondate l’insalata, lavatela e asciugatela, poi spezzettate grossolanamente le foglie e  mettetele  su un piatto grande. Lavate e tagliate a metà i pomodorini, eliminate la buccia dell’avocado e fatelo a pezzetti che spruzzerete con un po’ di succo di limone. Tagliate il gorgonzola a pezzetti e affettate le uova sode.Tagliate il pollo a listarelle. In una ciotolina preparate la salsina di condimento miscelando la senape, la salsa Worcester, il sale, il pepe, due cucchiai di olio evo e uno di aceto balsamico, oltre all’aglio schiacciato (se avete deciso di usarlo). Disponete i pomodorini sul letto d’insalata, aggiungete il bacon, il gorgonzola, le uova e l’avocado. Coprite con le striscioline di pollo e decorate con l’erba cipollina.  Irrorate con la salsina e servite subito.

A domani!

insalata hollywoodiana

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*