Spigolature policlinichesche sotto la pioggia

-333

Quiz:  cosa si può fare in un posto come il Policlinico di Milano in un giorno di pioggia battente quando non ne puoi più di chi ti sta intorno?

Risposta : partire alla scoperta del luogo con occhi da esploratore (oppure prendere e andarsene  per un mese alle Maldive, ma non sempre è possibile)

E questo, ovvero la microesplorazione delle zone intorno a me nel nosocomio, è ciò che ho fatto io  oggi ,15 febbraio, (ss.Faustino e Giovita mart., rendiamo omaggio anche  a due poveri martiri schiacciati dalla popolarità del santo che li precede in calendario) dalle ore 14.00 alle ore 15.00.

Deliziose bombe caloriche in via Commenda

Ecco il risultato delle mie scoperte:

    • a due passi dai padiglioni  in cui ai pazienti vengono serviti polli arrosto che sembrano polli lessi e pastine in brodo in cui la pastina risulta latitante, c’è un panificio  strepitoso. Si chiama Il forno di via Commenda e  con le sue pizze e focacce farebbe capitolare anche il signor Weight Watchers. Due centimetri di focaccia di Recco sono già intorno al mio girovita.
    • tra il Padiglione Monteggia e la chiesa del Policlinico c’è una piccola grotta della Madonna  di Lourdes che fa tenerezza, coperta com’è di ex voto.
    • proprio davanti a questa  grotta c’è una piccola  vasca circolare piena d’acqua lurida , in cui nuotano  nervosamente un pesce rosso lungo 40 cm e uno strano pesce siluro da un paio di chili se non di più. La vasca è circondata da un’alta rete: non sia mai che qualche paziente inferocito col catering ospedaliero tiri fuori una lenza per assicurarsi un fritto misto
Ittiofauna al Policlinico
  • nel cosiddetto “soggiorno” del reparto  di neurochirugia  c’è una  libreria su cui vigila un’altra Vergine di Lourdes. Forse l’hanno messa lì per tener d’occhio i lettori della copia di Dipiù a disposizione dei soggiornanti. L’offerta culturale della piccola biblioteca  è decisamente  politically correct, si va dai romanzi di Hemingway a Anni verdi di Cronin, da Parliamo dell’elefante di Leo Longanesi a Harry Potter e il calice di fuoco, fino ai Malavoglia.

Vi lascio con l’insalata del giorno, mentre fuori la pioggia non dà tregua.

Insalata di pomodori e rucola

Per 2 persone

2 pomodori da insalata
1 mazzettino di rucola
olive nere snocciolate 50 g
1/2 cipolla di Tropea
1 cucchiaio di capperi sottaceto
olio extravergine di oliva
aceto balsamico
sale e pepe nero

Lavate e mondate la rucola e i pomodori. Affettate i pomodori eliminando i semi  e spezzettate la rucola. In un’insalatiera aggiungete la cipolla tagliata ad anelli alla rucola e ai pomodori , poi i capperi e le olive tagliate a rondelle.Condite con due cucchiai d’olio evo, un cucchiaio d’aceto e sale e pepe a piacere. servite subito.

Insalata di pomodori e rucola

A domani!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*