Di un calendario e di un’insalata ben presentata ma mal fotografata

-360
C’era il  sole, oggi. Mi ha regalato un po’ di buonumore. La mamma ha avuto una buona giornata, anche se ormai è quasi sempre immersa in un torpore tutto suo. Parlare di ricette, a tavola o quando è in poltrona in salotto, è un  modo per risvegliare la sua attenzione per qualche minuto. Il resto la interessa poco. Mai e poi mai in passato avrei pensato che chiacchierare  di besciamelle ,cicorie, polpette e kaiserschmarren , un giorno sarebbe diventato  quasi l’unico modo per relazionarmi con mia madre.

– la nonna condiva l’insalata di cicorino anche con uno spicchio d’aglio, vero?

– è  vero,  non so come fai a ricordarti queste cose –mi ha risposto .

Poi vuoto e silenzio per altri dieci minuti.

 

Il calendario di Allan Bay

Oggi le ho fatto vedere il calendario ricevuto in regalo dalla Magazzini Salani dedicato alla frutta e verdura di stagione. Anche se è la scoperta dell’acqua calda  -almanacchi di questo genere sono sempre esistiti- è comunque un oggetto grazioso. La grafica è fresca, e non solo per il color verde che predomina su tutto. Mi sono confrontata con lei sugli ortaggi del mese di gennaio secondo l’autore ,  Allan Bay. Abbiamo concordato  che certe scelte sono un po’ tirate per i capelli, tipo quella dei funghi e degli avocado.  Ortodossia ortofrutticola a parte, questo calendario è  un tocco  piacevolmente decorativo per la  cucina.

Il signor Bay, probabilmente, dissentirebbe per la mia insalata di oggi, che punta su ingredienti che lui consiglia   di acquistare a partire dalla primavera: cetrioli e  lattuga.  La ricetta è stata scelta da Larysa che ha anche preparato il piatto, mentre io ero impegnata col lavoro di scrittura per  altri fronti (una nuova storia per ragazzi, un articolo su possibili itinerari di fede in Alto Adige e Austria), e la mamma dormiva.  Risultato: non solo l’insalata era molto buona (la ripeteremo con qualche variante) , ma era anche molto bella a vedersi. Mi spiace che le mie fotografie non rendano onore al suo impegno artistico. Larysa, perdonami, in futuro riuscirò a fare di meglio! (A proposito, forse dovrei chiedere consigli a qualche amico fotografo, anche se credo che con una macchinetta fotografica come quella che uso non ci si possa  aspettare di fare miracoli).

Lattuga allo yogurt

lattuga 150 g

cetrioli 159 g

carote 150 g

yogurt magro 125 g

olio extravergine di oliva 1 cucchiaio

prezzemolo 1 ciuffo

sale

Lavate la lattuga, asciugatela e foderate con le sue foglie un’insalatiera di vetro.

L’insalata preparata da Larysa

Sbucciate i cetrioli, affettateli e versateli al centro dell’insalatiera. Pulite le carote e affettatele, poi disponete a corona intorno ai cetrioli.

Miscelate in una ciotola lo yogurt con il sale e l’olio, emulsionando bene. Aggiungete un cucchiaio di prezzemolo tritato e mescolate, amalgamando bene tutti i componenti. Versate la salsa sull’insalata e servite.

Anche questa ricetta è tratta dal libro La dieta mediterranea, pubblicato qualche anno fa da Mondadori, cui ho già fatto riferimento. Per ora  mi considero un’insalatista/insalatologa principiante, non me la sento di inventare delle ricette, ma sono sicura che prima o poi ci arriverò (anche se mi domando perché dovrei farlo, in giro ce ne sono tante così buone e già collaudate…).

A domani.

 

 

 

 

2 Commenti

  1. ciao. scusa il doppio messaggio, ma ho eliminato il primo perche’ conteneva un refuso. anch’io sono affezionata cliente dei supermercati esselunga, che considero i migliori in quanto a offerta merceologica, ordine, pulizia e formazione del personale che, in generale, e’ molto gentile e disponibile. Amo l’insalata di finocchi e arance, tipica di questo periodo. Per farla utilizzo i finocchi maschi, ossia quelli belli cicciotti (credo tu abbia scelto proprio quelli), mentre per le preparazioni in cui servono cotti, vanno bene anche quelli femmina, piu’ magrolini e allungati.
    a presto

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*